INCENERITORE A ROMA? ANCORA PIÙ COSTOSO PERCHÈ DOVRÀ PAGARE PER EMISSIONI DI CO2!



Con il voto di ieri gli #inceneritori sono stati inseriti nell’#ETS, il sistema di scambio di quote di #emissioni. Un altro passo per la prevenzione dei #rifiuti e per rendere ancora più competitivo il #riciclo rispetto ad #incenerimento. Mia su @economia_circolare_com

Bene l’inclusione - a partire dal 2026 - degli inceneritori municipali all’interno del sistema di scambio di quote di emissioni (ETS), come proposto nella relazione sulla revisione della direttiva approvata ieri dalla Commissione per l’ambiente del #Parlamentoeuropeo.

L’inclusione degli inceneritori all’interno dell’ETS richiederà alle aziende di rifiuti l’acquisto di crediti di emissioni per ogni tonnellata di CO2 emessa durante il trattamento di rifiuti domestici, aziendali e industriali. Tale costo aggiuntivo dell'incenerimento fungerà così da incentivo per la prevenzione dei rifiuti e per un maggiore riciclo, che diventerà quindi ancora più competitivo (meno costoso) dell'incenerimento.

Questo comporta sostanziali benefici per il clima e l'occupazione: si stima che le emissioni di CO2 associate a queste attività possano diminuire di 8,8 Mt all'anno nel 2030, e che i posti di lavoro aggiuntivi possano raggiungere i 21.200 nel 2030, considerando che il settore del riciclo richiede più manodopera di quello dell’incenerimento dei rifiuti.

https://bit.ly/3PvUlQn

Categorie
Archivio