OSCENO INTIMORIRE ATTIVISTI, IMMORALE SPRECARE ACQUA IN SICCITÀ



Uno spettacolo osceno quello offerto dalla polizia, che a Venezia ha fermato gli attivisti della Climate March con cariche, manganellate e idranti sotto i riflettori della 79esima Mostra del Cinema.

Una reazione spropositata contro i tanti ragazzi che manifestavano pacificamente il proprio legittimo dissenso sull’inerzia del governo di fronte all’emergenza climatica.

La risposta della polizia, che ha rivolto gli idranti sui manifestanti, è tanto vergognosa sotto il profilo umano e sociale, quanto inaccettabile in questo momento storico, in cui da un lato si chiede ai cittadini di non sprecare acqua per far fronte all’emergenza della siccità e dall'altro si sprecano poi assurdi quantitativi di acqua per intimorire dei giovani attivisti. Un pessimo esempio da parte dello Stato che, amara ironia, contrasta una manifestazione contro la crisi climatica sprecando inopportunamente un bene prezioso come l’acqua. Triste coincidenza, l’acqua ad alta pressione delle pompe ha staccato da un muro la locandina del film di Virzì dal titolo emblematico, Siccità.

#ClimateStrike #Venezia #AlleanzaVerdiSinistra

Categorie
Archivio