ALLEVAMENTI INTENSIVI INDICATI SULL'ETICHETTA: I CITTADINI HANNO IL DIRITTO DI SAPERE COSA MANGIANO



Sostengo la campagna di CIWF Italia per l'introduzione in Italia di un'etichettatura chiara che indichi se le carni che si trovano sugli scaffali dei supermercati derivano da allevamenti intensivi.


Io stessa con un'interrogazione alla Commissione europea ho chiesto che venga introdotto un simile strumento a livello europeo, perché i cittadini hanno il diritto di sapere cosa stanno mangiando e come è stato prodotto quel cibo.


L'animale è stato allevato all'aperto o è stato segregato in spazi artificiali, illuminati giorno e notte e spesso sudici?

Carne, latte, formaggi e derivati vengono venduti senza dare alcuna informazione chiara sulle modalità di allevamento degli animali. Perché?


Basta opacità! È tempo che ai consumatori venga rivelato se dietro un prodotto c'è un animale trattato con dignità o una fabbrica di morte e sofferenza. I cittadini hanno il diritto di sapere cosa finisce nel loro piatto e fare scelte consapevoli, magari decidendo di non rendersi complici di simili atrocità che fanno del male agli animali, al clima e anche agli umani che assumono carni imbottite di antibiotici.


Qui potete firmare la petizione di CIWF: https://bit.ly/2HgnGiU

Categorie
Archivio

PER CONTATTARMI

  • Facebook - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • YouTube - Black Circle
  • Instagram - Black Circle