ASSURDO RINVIO DIRETTIVA PESTICIDI. IL NOSTRO APPELLO ALLA COMMISSIONE



Caro Presidente della Commissione europea Von der Leyen, Cari vicepresidenti, Cari Commissari,

Vi contattiamo oggi per esprimere la nostra profonda delusione e indignazione per il rinvio della proposta di riforma della direttiva sull'uso sostenibile dei pesticidi, che avrebbe dovuto essere pubblicata questo mercoledì, 23 marzo 2022.


Questa decisione è tanto più deplorevole in quanto sappiamo che la bozza della riforma è stata finalizzata ed è pronta a partire. Qualsiasi ritardo ora darà solo a coloro che si oppongono alla transizione verso sistemi alimentari sostenibili una buona opportunità per cercare di indebolire questo progetto. Quindi, vi chiediamo urgentemente di mantenere gli impegni e le ambizioni del Green Deal e di pubblicare questa iniziativa prioritaria il più presto possibile.


Nella strategia Farm to Fork, la Commissione ha riconosciuto l'urgente necessità di ridurre la nostra dipendenza dai pesticidi e si è impegnata a ridurre il rischio e l'uso complessivo di pesticidi chimici del 50% entro il 2030. Senza la riforma della direttiva sull'uso sostenibile, la Commissione abbandonerebbe questo obiettivo, il che non è accettabile visto l'enorme costo per la nostra salute e per l'ambiente che i pesticidi chimici rappresentano.


Tuttavia, dall'inizio della guerra in Ucraina, stiamo assistendo ad attacchi molto preoccupanti e sistematici agli obiettivi di sostenibilità del Green Deal - e in particolare alle strategie Biodiversità e Farm to Fork - da parte dei lobbisti delle industrie agricole e agrochimiche. In nome della sicurezza alimentare, chiedono che la protezione del clima e della biodiversità passi in secondo piano.


Queste argomentazioni sono miopi, perché il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità continuano rapidamente, nonostante la guerra. Questi due fenomeni rappresentano una terribile minaccia alla nostra sicurezza alimentare collettiva a lungo termine e alla nostra sovranità alimentare: l'ultimo rapporto dell'IPCC ci ricorda che la produttività agricola sta diminuendo e che entro il 2100 un terzo dei terreni agricoli potrebbe essere inadatto alla coltivazione a causa del degrado ambientale - e l'uso di pesticidi gioca un ruolo significativo in questo.


Inoltre, la ricerca ha dimostrato che i costi nascosti dell'uso dei pesticidi per la società superano di gran lunga i benefici economici che si suppone vengano conferiti. Così, il costo sociale per i danni causati dai pesticidi ammonta a circa 2,3 miliardi di euro ogni anno (compresa la decontaminazione delle acque, le emissioni di gas serra, le malattie causate dai prodotti chimici, le riduzioni dell'IVA e i sussidi), mentre il settore stesso realizza un profitto di circa 900 milioni di euro ogni anno. Al contrario, triplicare l'agricoltura biologica entro il 2030 costerebbe alle casse pubbliche solo 1,85 miliardi di euro all'anno, il che dimostra chiaramente che spendere una tale quantità di denaro in pesticidi è un'assurdità economica.


L'intensificazione e l'iperspecializzazione dell'agricoltura ci hanno portato a diventare dipendenti da alcune risorse critiche per la nostra produzione alimentare; non solo pesticidi, ma anche fertilizzanti minerali/sintetici e mangimi. La crisi attuale fa luce sull'irrazionalità di un sistema agricolo altamente intensivo e specializzato, che si basa pesantemente su queste risorse critiche per la nostra produzione alimentare. Quindi, l'obiettivo di ridurre l'uso di pesticidi sintetici è particolarmente rilevante da un punto di vista strategico.


Inoltre, rompere questa dipendenza dagli input è cruciale anche dal punto di vista della sostenibilità economica degli agricoltori. Gli agricoltori dell'UE hanno speso sempre più denaro in pesticidi e fertilizzanti minerali/sintetici, causando un aumento dei costi di produzione, il che significa che i loro redditi stanno effettivamente diminuendo. Questo circolo vizioso minaccia la loro sostenibilità economica. Una profonda trasformazione del nostro sistema agricolo verso pratiche sostenibili e agro-ecologiche è l'unico modo per risolvere questo problema e salvaguardare una produzione alimentare sostenibile per le generazioni future.


La preoccupazione per la trasformazione ecologica della nostra agricoltura e la sua capacità di garantire la sicurezza alimentare si basa sull'affermazione che la produttività diminuirà. Tuttavia, la scienza dimostra che l'agro-ecologia non si traduce necessariamente in rendimenti inferiori. Eppure, lo status quo si è dimostrato inadatto allo scopo, poiché sacrificherebbe la nostra sicurezza alimentare a medio e lungo termine per guadagni a breve termine come l'alimentazione degli allevamenti e i lo sviluppo di biocarburanti. Inoltre, non dobbiamo dimenticare che la strategia Farm to Fork mira anche ad agire su altre importanti leve politiche, che avranno ulteriori effetti positivi a catena nel sistema alimentare, come sulle diete, sull'autonomia degli allevamenti, sulla riduzione dei rifiuti alimentari, sull'aumento delle rese in altri paesi, per citarne solo alcuni.


In questo spirito, ribadiamo il nostro appello urgente a non ritardare ulteriormente e a pubblicare al più presto la proposta di riforma della direttiva sull'uso sostenibile dei pesticidi.

LEGGI LETTERA ORIGINALE QUI:

https://www.greens-efa.eu/en/article/document/letter-on-the-sustainable-use-of-pesticides-directive-to-the-european-commission


Categorie
Archivio