INACCETTABILE ATTACCO DEL GOVERNO AL BANDO PLASTICA MONOUSO



Il duro attacco sferrato dai Ministri Cingolani e Giorgetti alla direttiva #SUP sulla #plastica monouso è inaccettabile. Questo governo ha fatto della transizione ecologica uno strumento di propaganda e ora ha superato ogni limite mettendo in discussione una direttiva che mette al bando alcuni tipi di prodotti in plastica #monouso e vieta quelli per cui già esistono alternative.

Gli adempimenti previsti dalla direttiva contestati dal governo erano già presenti nella direttiva adottata nel 2019 e non vi è stata alcuna forzatura. Pertanto, invece di fare terrorismo mediatico parlando di morti e feriti nelle aziende italiane, Cingolani e Giorgetti dovrebbero finanziare la conversione delle aziende di questo settore per concentrarsi su quei packaging e prodotti sostenibili e con materiale #biodegradabile non coperti dalla direttiva. L’Italia ha sempre dimostrato di essere capace di guidare grandi cambiamenti e di dare esempio di eccellenza nel mondo in diversi settori. E’ ora che il paese diventi leader nella transizione verso l’economia circolare e punti alla produzione di prodotti riutilizzabili e durevoli. I nostri mari si sono trasformati in una discarica di plastica, 8 milioni di tonnellate di plastica all’anno finiscono in mare, secondo autorevoli studi scientifici le micro plastiche danneggiano la salute e gli ecosistemi, 5 grammi a settimana vengono ingeriti dall’uomo.

La posizione del governo, in particolare del ministro della transizione ecologica Cingolani, conferma ancora una volta che la questione ecologica non solo non è prioritaria, ma va nella direzione opposta al raggiungimento degli obiettivi sul #clima e alla tutela dell’#ambiente, come dimostrano il #PNRR approvato, le #trivelle e il ponte sullo stretto di Messina.

Categorie
Archivio