INACCETTABILE SI’ DI CINGOLANI AL NUCLEARE IN TASSONOMIA



Ieri, al Consiglio europeo per l’energia di Bruxelles, il ministro #Cingolani ha sostenuto l’inserimento del #nucleare nella #tassonomia verde UE e lo ha fatto senza un mandato del Parlamento, sapendo che l’Italia ha votato contro l’energia atomica in ben due referendum.

Una posizione inaccettabile perché, con l’inserimento del nucleare nella tassonomia verde, si dirotteranno risorse Ue destinate alla transizione ecologica verso un’energia pericolosissima e costosissima, sottraendole alle #rinnovabili.

Lascia esterrefatti il silenzio-assenso di alcune forze politiche rispetto a un Ministro che, in modo autoritario e senza confronto democratico, ha deciso che il nucleare debba essere inserito come energia verde finanziabile dall’Europa. È evidente che Cingolani rappresenta l’ostacolo principale a una concreta transizione ecologica. Di un ministro che ferma l’elettrico, porta avanti le politiche dell’Eni e dice sì al nucleare l’Italia non ha alcun bisogno, per questo noi di Europa Verde ne chiediamo con forza le dimissioni.

Categorie
Archivio