LA COMMISSIONE PONGA FINE AGLI ALLEVAMENTI DI VISONE, PERICOLOSI SERBATOI DI VIRUS

Gentile Commissaria Kyriakides,

Noi, membri del Parlamento europeo, Le scriviamo per esprimere le nostre gravi preoccupazioni per i continui focolai di COVID-19 negli allevamenti di visoni in Europa e per invitare la Commissione ad intraprendere azioni decisive per fermare la produzione di visoni al fine di prevenire la creazione di serbatoi di virus. Al momento, solo il 20% delle gabbie negli allevamenti di visone è occupato. La maggior parte degli animali è stata abbattuta a fine novembre / inizio dicembre, lasciando solo gli esemplari selezionati per la riproduzione. Tuttavia, alla fine di febbraio, il ciclo produttivo ricomincerà. I maschi verranno messi in gabbie con le femmine per accoppiarsi. All'inizio di maggio, quando nasceranno i cuccioli, la popolazione di visoni - e le dimensioni del potenziale serbatoio di coronavirus - saranno aumentate di almeno cinque volte. C'è ancora una piccola finestra di opportunità per evitare che ciò accada. Esortiamo quindi vivamente la Commissione ad agire per proteggere la salute pubblica ordinando agli Stati membri di sospendere quest'anno l'allevamento di visoni. Le epidemie di COVID-19 negli allevamenti di animali da pelliccia in Danimarca, Paesi Bassi, Svezia, Spagna, Grecia, Italia, Francia, Lituania e Polonia - nonché negli Stati Uniti e in Canada - hanno confermato che i visoni sono altamente sensibili alla malattia. Il fatto che il virus SARS-CoV-2 si diffonda rapidamente tra questi animali, ammassati l'uno vicino all'altro in piccole gabbie metalliche, e che, come è stato riscontrato sia trasmissibile all'uomo, conferma che gli allevamenti di animali da pelliccia possono fungere da serbatoio di coronavirus. L'esperienza della Danimarca e dei Paesi Bassi nell'affrontare epidemie diffuse del virus SARS-C0V-2 nei loro allevamenti di visoni hanno chiaramente dimostrato che le misure di biosicurezza e sorveglianza adottate dall'industria e dalle autorità competenti non hanno avuto successo nel prevenire la trasmissione e la diffusione del virus. Nelle ultime settimane, sono stati rilevati focolai negli allevamenti di visone in Polonia, Spagna, Italia e Grecia; e questo prima ancora che la stagione riproduttiva sia iniziata. In considerazione dei rischi posti di coronavirus creati dagli animali da pelliccia, il governo svedese ha già preso misure responsabili per sospendere la produzione di visoni nel 2021. I produttori di visoni in Svezia non dovranno abbattere il loro bestiame, ma non potranno nemmeno far riprodurre i loro animali quest'anno. Allo stesso modo, anche gli allevatori di pellicce belgi hanno deciso volontariamente di sospendere l'allevamento di visoni a causa dei rischi associati al COVID-19. Riteniamo che, fatta eccezione per la fine degli allevamenti di visoni, questa sia la linea d'azione più responsabile che si possa intraprendere. È fondamentale che i restanti Stati membri, che consentono ancora la produzione di pellicce, seguano l'esempio svedese e belga. Dato che non vi è alcuna indicazione che lo faranno volontariamente, è fondamentale che la Commissione europea intervenga per ordinare loro di sospendere l'allevamento di visoni almeno per tutto il 2021. Il monitoraggio e la sorveglianza dello stato di salute sia degli animali che di coloro che interagiscono con loro a livello professionale saranno, ovviamente, ancora necessari, ma queste pratiche dovrebbero essere meno costose dei test per il coronavirus negli allevamenti di visoni. Se il virus viene rilevato in queste aziende agricole, l'entità dell'abbattimento degli animali e la sofferenza degli animali infetti saranno più limitate. È importante notare che quando il virus SARS-CoV-2 è stato scoperto per la prima volta nei visoni nei Paesi Bassi nell'aprile 2020, era diffuso un alto livello di mortalità e malattie respiratorie tra le femmine incinte e i cuccioli appena nati. Fare in modo che i visoni non si riproducano durante la pandemia di COVID-19 aiuterà a prevenire sofferenze e morti inutili. Inoltre, è importante considerare che il sequenziamento del genoma virale ha già mostrato come l'infezione da SARS-CoV-2 nel visone possa portare a mutazioni pericolose delle proteine ​​spike che, se trasmesse alle popolazioni umane, potrebbero minare l'efficacia dei vaccini necessari a porre fine alla pandemia. In effetti, la scoperta della cosiddetta mutazione del virus del visone "Cluster 5" negli esseri umani è stata ciò che ha fatto precipitare la decisione radicale del governo danese di abbattere l'intera mandria di visoni. Si credeva che questa pericolosa mutazione fosse stata debellata nel novembre 2020, ma i dubbi su questo sono stati dissipati dalla recente scoperta della variante del Cluster 5 in pazienti umani in Germania durante le scorse settimane. È estremamente preoccupante che una tale variante possa essere ancora in circolazione tra la popolazione umana. Dato l'enorme impatto della pandemia di coronavirus sulla salute pubblica e l’economia, il rischio di consentire alla popolazione di visoni di espandersi in modo esponenziale, creando così un serbatoio di malattie più ampio, non può essere tollerato. Chiediamo pertanto alla Commissione di agire per garantire che il rischio legato agli allevamenti di animali da pelliccia - un prodotto di cui non vi è alcun bisogno - venga al più presto contrastato.


Categorie
Archivio

PER CONTATTARMI

  • Facebook - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • YouTube - Black Circle
  • Instagram - Black Circle