LE DICHIARAZIONI DI TIMMERMANS SU UN POSSIBILE RITIRO DELLA PAC SMENTISCONO LA BONTA’ DELLA PROPOSTA

Comunicato stampa

Bruxelles, 13 novembre 2020

EVI: LE DICHIARAZIONI DI TIMMERMANS SU UN POSSIBILE RITIRO DELLA PAC SMENTISCONO LA BONTA’ DELLA PROPOSTA

“Posso ancora ritirare la proposta della Commissione sulla PAC se Parlamento e governi annacquassero troppo le sue ambizioni ambientali” - questa la sorprendente dichiarazione rilasciata a RTL Nieuws da Frans Timmermans, vice presidente della Commissione europea.

Il responsabile del Green Deal ha inoltre aggiunto che, qualora le negoziazioni sulla politica agricola comune procedano nella direzione sbagliata, potrebbe ritirare la riforma.

Le parole del vice presidente della Commissione Europea Timmermans, che già in una precedente intervista rilasciata al tagesschau.de ha definito la PAC appena votata dal Parlamento Europeo una delusione, sono un’ulteriore conferma di quanto questa politica agricola sia in contrasto con il Green Deal e di quanto, invece, favorisca un modello di agricoltura industriale, appannaggio di grandi imprese agricole e allevamenti intensivi.

Ecco perché ho votato contro, insieme ad altri miei colleghi, in difformità rispetto alla maggioranza della Delegazione Movimento 5 Stelle Europa, ma onorando il programma elettorale del Movimento e l’impegno preso con i cittadini. Cercare di far passare questa PAC addirittura come innovativa dal punto di vista della sostenibilità significa diffondere il falso. Questa PAC in concreto risulta in forte continuità con le politiche agricole precedenti e non rappresenta quella rivoluzione necessaria ad accompagnare il settore agricolo verso una transizione ecologica che non può più essere rimandata” - così Eleonora Evi, eurodeputata titolare in Commissione Ambiente.

Il voto sulla PAC al Parlamento europeo è stato oggetto di numerose polemiche, spesso strumentali, e ha determinato anche un’ampia diffusione di fake news in merito.

Spero davvero che Timmermans dia seguito alle sue affermazioni. Io continuerò a smentire una per una le false notizie sulla PAC e soprattutto ad operare in Europa affinché venga applicato quanto previsto dal Green Deal per la protezione della natura e il contrasto alla crisi climatica in atto e affinché vengano tutelati gli interessi dei più deboli, come i piccoli agricoltori, di fatto schiacciati dal super poter delle grandi aziende” - conclude Eleonora Evi.

Categorie
Archivio