LETTERA ALLA COMMISSIONE PER L'ACCESSO GLOBALE AI VACCINI COVID 19



Noi, membri del Parlamento europeo, esortiamo la Commissione europea e il Consiglio europeo a rivedere la loro opposizione alla proposta di rinuncia TRIPS presso l'Organizzazione mondiale del commercio (OMC), che serve a consentire un maggiore accesso alle tecnologie sanitarie COVID-19 a prezzi accessibili, compresi i vaccini , in particolare per i paesi in via di sviluppo e a reddito medio. Questo invito arriva in vista della riunione del Consiglio europeo del 25 febbraio 2021 e della decisione cruciale che tutti gli Stati membri dovranno prendere in occasione del Consiglio generale dell'OMC dell'1-2 marzo 2021. Dall'inizio della pandemia, la necessità di garantire un accesso aperto globale alle tecnologie sanitarie COVID-19 e di aumentare rapidamente la loro produzione e fornitura è stata ampiamente riconosciuta. Tuttavia, nonostante gli sforzi e le dichiarazioni della Commissione europea e di diversi capi di stato a sostegno del trattamento dei prodotti medici COVID-19 come beni pubblici globali, ciò non si è ancora tradotto in realtà attuabili.

In questo contesto, l'aperta opposizione dell'UE alla rinuncia TRIPS rischia di esacerbare un pericoloso divario nord-sud quando si tratta di un accesso economico alla diagnostica COVID-19, ai dispositivi di protezione individuale, ai trattamenti e ai vaccini. La decisione dell'OMC su una potenziale rinuncia offre un atto di solidarietà efficace e indispensabile, in quanto è un passo importante verso l'aumento della produzione locale nei paesi partner e, in ultima analisi, verso la soppressione di questa pandemia su scala globale. Come ha ripetutamente affermato il Presidente della Commissione, nessuno è al sicuro finché tutti non sono al sicuro. Oltre alla rimozione di potenziali barriere legali alla produzione di strumenti sanitari, resa possibile dalla rinuncia TRIPS, è essenziale la condivisione di know-how e tecnologie con produttori di GMP di paesi terzi. Le aziende farmaceutiche devono svolgere un ruolo proattivo in questo senso. Finora, la strategia dell'UE si è concentrata principalmente sulla produzione interna. Alla luce delle difficoltà dei produttori a fornire le dosi impegnate dall'UE e al meccanismo di controllo delle esportazioni dell'UE, è fondamentale consentire la produzione al di fuori dell'UE. Come affermato dalla Commissione europea, le sfide del 21 ° secolo richiedono una governance più multilaterale e una cooperazione internazionale basata su regole. L'UE deve rafforzare la sua leadership e garantire la promozione di un autentico sistema multilaterale di solidarietà, aiutando tutti i paesi a rispondere in modo efficace alla pandemia. Pur riconoscendo il sostegno della Commissione alla struttura COVAX, la riluttanza mostrata all'OMC a considerare tutte le opzioni per aumentare la produzione globale di vaccini e ad impegnarsi in un dialogo sostanziale con un numero crescente di sostenitori della rinuncia TRIPS è molto preoccupante.

Noi, membri del Parlamento europeo, chiediamo pertanto alla Commissione e agli Stati membri di non bloccare la proposta di rinuncia TRIPS e di impegnarsi in un dialogo costruttivo con i paesi partner, al fine di abilitare le capacità di produzione locale e aumentare il loro accesso ai trattamenti per il COVID -19.

Categorie
Archivio