NUOVI OGM. CHIEDIAMO ALLA COMMISSIONE DI FAR LUCE SUI POTENZIALI RISCHI



Gentile Commissario Gabriel,

Le scriviamo per chiedere una ricerca dedicata dell'UE sui rischi potenziali e sul rilevamento analitico di organismi geneticamente modificati (OGM) con nuove tecnologie di ingegneria genetica.

Questi OGM rientrano nel campo di applicazione della legislazione esistente dell'UE sugli OGM, che mira a proteggere la salute pubblica e l'ambiente dagli effetti negativi che possono causare. Gli OGM sviluppati con la cosiddetta tecnologia di genoma-editing pongono rischi nuovi e diversi da quelli degli OGM tradizionali.

Le attuali strategie di sorveglianza degli OGM sono insufficienti per rilevare la presenza di questi nuovi OGM, soprattutto quando non contengono materiale genetico estraneo.

Siamo convinti che l'UE può e deve affrontare queste sfide, al fine di mantenere un alto

livello di protezione della salute pubblica e dell'ambiente. Così come è possibile sviluppare nuovi prodotti OGM, basati sulla rivoluzionaria tecnologia del genoma-editing, è anche possibile sviluppare metodi all'avanguardia per la valutazione e il rilevamento dei rischi. Tuttavia, questo non sarà possibile senza una ricerca dedicata dell'UE.


Le risposte della Commissione alle nostre interrogazioni scritte mostrano che l'UE non ha finanziato alcuna ricerca finora sui rischi specifici posti dai nuovi OGM, e nemmeno sui modi per rilevare tali OGM.


La Commissione sembra anche non avere piani per finanziare questa ricerca dedicata nell'ambito del programma di lavoro Horizon Europa per il 2021-2022.(...)

Chiediamo pertanto alla Commissione di porre rimedio a questa situazione, e di chiedere urgentemente una ricerca UE dedicata in questi settori.

La ricerca sui rischi specifici che possono derivare da irregolarità genomiche legate all'applicazione del cosiddetto genome editing rimane scarsa. Tale ricerca è fondamentale per consentire lo sviluppo di una solida guida alla valutazione del rischio e deve ricevere un adeguato finanziamento pubblico.

Già oggi è possibile stabilire metodi analitici affidabili per il rilevamento di colture genomicamente modificate se si dispone di informazioni sufficienti sulle loro sequenze di DNA modificate (...)

Tuttavia, le autorità nazionali dell'UE non hanno modo di identificare i prodotti geneticamente modificati noti elencati nel database OGM dell'UE.

Diversi governi dell'UE, tra cui Austria, Francia e Italia, hanno richiesto una ricerca mirata dell'UE su strategie e metodi di rilevamento degli OGM. La Francia richiede un "importante programma di ricerca a livello europeo", mentre l'Italia suggerisce che il progresso non può essere raggiunto senza una nuova generazione di programmi di ricerca "come è successo per gli OGM 'tradizionali' tra la fine degli anni '90 e il primo decennio di questo secolo".

Come eurodeputati, ci uniamo a questo appello ed esortiamo la Commissione a istituire tali programmi di ricerca il più presto possibile (...).


Letter to COM about new GM research_final
.pdf
Download PDF • 431KB

Categorie
Archivio