PER PROTEGGERE IL SUOLO SERVE UNA DIRETTIVA EUROPEA



Il suolo è un patrimonio insostituibile da cui dipendono biodiversità, sicurezza alimentare e salute dei cittadini.

Pensate che sono necessari almeno 500 anni per la formazione di 2,5 centimetri di suolo ma bastano pochi istanti per distruggerlo. E la causa è l’isterico sviluppo urbanistico che, insieme alla cattiva gestione del suolo e agli effetti della crisi climatica, ha portato alla perdita di 9 milioni di tonnellate di terreno all’anno.

In Italia la situazione è drammatica: la Lombardia, in particolare, detiene il triste primato di regione con maggior consumo di suolo in Italia.

Questa vorace distruzione di suolo va fermata e per farlo le istituzioni devono intervenire. Oggi al Parlamento UE in Commissione Petizioni ho ribadito la necessità di una prospettiva e di un quadro legislativo vincolante per la protezione del suolo.

Per questo sostengo pienamente la petizione People4Soil per salvare i suoli d’Europa. Insieme ad oltre 220.000 cittadini e 500 organizzazioni, chiedo alla Commissione Europea di prendere serie misure per la tutela del suolo e della biodiversità al fine di fermare questa vera e propria “emorragia” di terreno, che sta cambiando il paesaggio europeo e ferendo l’ambiente.

Categorie
Archivio