RISCHIAMO L’ENNESIMA MULTA



L'Italia è stata condannata per la seconda volta per la mancanza di #depurazione in più di 600 comuni, che coinvolgono una popolazione di 6 milioni di italiani. Alla luce di questa ennesima condanna della Corte di Giustizia Europea chiediamo al Governo italiano di prendere provvedimenti immediati, visto che anche questa volta viene evidenziata l’inadeguatezza del #PNRR italiano che investe solo 600 milioni per fognature e depuratori.

Non è possibile che l’Italia continui a violare le norme Ue sulla raccolta, trattamento e scarico delle acque reflue urbane di centinaia di aree sensibili dal punto di vista ambientale. Purtroppo, i più di 600 comuni interessati, tra i quali Venezia, Matera, Trieste, Pesaro, Urbino, coinvolgono una popolazione di circa 6 milioni di persone che hanno diritto, come tutti, ad una vita senza veleni.

Come spiega la Corte europea, ‘l’assenza o l’insufficienza dei sistemi di raccolta o di trattamento delle acque reflue urbane rischia di arrecare danni all’ambiente e deve essere considerato come particolarmente grave.

Categorie
Archivio