UCRAINA: LETTERA ALLA COMMISSIONE PERCHE' AGEVOLI INGRESSO ANIMALI DEI RIFUGIATI





Bruxelles, 31 marzo 2022


Cari Commissari/e Johansson, Kyriakides, Lenarčič,


Noi, membri dell'Intergruppo sul Benessere animale al Parlamento Europeo e del gruppo di lavoro sugli animali da compagnia, condividiamo una preoccupazione comune riguardo la situazione degli animali da compagnia e da rifugio in Ucraina, l'evacuazione dei rifugi per animali nell'UE e l'insediamento dei rifugiati con i loro animali nell'UE a seguito della guerra e dell'aggressione della Russia contro l'Ucraina.

Da un mese a questa parte, gli ucraini vivono nella paura o fuggono dalla guerra. Oltre a questa orribile crisi umana che richiede un'azione umanitaria urgente, evidenziamo che questa situazione colpisce anche 10 milioni di cani e gatti e innumerevoli altri animali da compagnia, compresi i cavalli.

Accogliamo con favore le linee guida della Commissione europea che riconoscono questa situazione e raccomandano a tutti gli Stati membri dell'UE di adattare i requisiti di ingresso per facilitare il movimento non commerciale degli animali domestici che viaggiano con i rifugiati nel territorio dell'UE, autorizzando il loro ingresso senza una preventiva richiesta individuale di permesso, come stabilito dal regolamento (UE) 576/2013. Tuttavia, rimangono alcune questioni serie che hanno il potenziale di evolvere rapidamente in una crisi vera e propria con un possibile serbatoio zoonotico, se dovesse emergere un movimento illegale di animali.


1) Le regole specifiche per quanto riguarda i requisiti di quarantena o di vaccinazione sono ancora poco chiare e differiscono tra gli Stati membri, complicando il processo di smistamento degli animali per scopi non commerciali e portando all'abbandono degli animali alle frontiere.


2) Gli orientamenti emessi riguardano solo i movimenti non commerciali, limitati a un massimo di 5 animali. Questo quadro rende impossibile per i rifugi per animali in Ucraina evacuare i loro animali. Questi rifugi sono sotto un'enorme pressione a causa dell'aumento del numero di animali abbandonati lasciati dai rifugiati che non hanno potuto trasportarli, e della mancanza di cibo e forniture veterinarie.


3) I rifugiati che sono riusciti a fuggire con i loro animali e a cercare rifugio nell'UE si trovano spesso di fronte alla mancanza di infrastrutture adeguate e a campi profughi che non permettono di tenere gli animali. Vorremmo sottolineare che questi animali danno un sostegno emotivo cruciale alle persone in difficoltà.


Riconoscendo questa difficile situazione, suggeriamo alla Commissione europea di emettere linee guida aggiuntive che raccomandino agli Stati membri di adottare le seguenti misure.


1. allentare temporaneamente le disposizioni sui requisiti di ingresso per il movimento di più di 5 animali per consentire l'evacuazione dei rifugi su una base ad hoc e a condizione che sia stata assicurata una sistemazione adeguata per questi animali;


2. specificare e rendere meno rigidi i requisiti di entrata per specie diverse da gatti, cani e furetti, in particolare per gli equini;


3. fornire la vaccinazione e la microchippatura, preferibilmente nel paese di destinazione quando è noto, senza costi per i rifugiati;


4. rispettare i requisiti specifici di quarantena per quanto riguarda la durata e la supervisione che verrebbero dettagliati dalla Commissione europea, preferibilmente nel paese di destinazione quando è noto, per armonizzare il quadro in tutta l'UE;


5. fornire adeguate strutture di quarantena così come centri logistici nei paesi confinanti per garantire il flusso di forniture a coloro che rimangono in Ucraina;


6. rimuovere tutti gli altri vincoli amministrativi e finanziari all'ingresso degli animali da compagnia nell'UE;


7. garantire una sistemazione adeguata per i rifugiati nell'ambito del meccanismo di protezione temporanea come previsto dalla direttiva 2001/55/CE, anche quando questi rifugiati devono essere alloggiati con i loro animali;


8. assicurare le medicine e il cibo per gli animali da compagnia che l'Ucraina ha incluso nella sua lista dei bisogni di aiuto umanitario e a cui il meccanismo di protezione civile dell'UE e l'iniziativa Stand Up For Ukraine potrebbero contribuire;


9. Blocco delle licenze russe per gli animali da compagnia in Europa e sospensione delle importazioni di animali dalla Russia.


Eleonora Evi deputato europeo

Vice presidente dell'Intergruppo Benessere degli Animali


Petras Auštrevičius deputato europeo

Presidente del gruppo di lavoro sugli animali da compagnia


Manuela Ripa deputato europeo

Vicepresidente del gruppo di lavoro sugli animali da compagnia


Martin Hojsik deputato europeo

Vicepresidente del gruppo di lavoro sugli animali da compagnia


Michal Wiezik deputato europeo

Membro del gruppo di lavoro sugli animali da compagnia


Jiří Pospíšil deputato europeo

Membro dell'intergruppo per il benessere degli animali



Categorie
Archivio