• eleonora evi

RIFLETTORI UE RIMANGONO PUNTATI SULLE VASCHE DI LAMINAZIONE DEL SEVESO A #SENAGO!

Aggiornato il: apr 8

RIFLETTORI UE RIMANGONO PUNTATI SULLE VASCHE DI LAMINAZIONE DEL SEVESO A #SENAGO!



Dopo aver chiesto e ottenuto il nuovo dibattimento della petizione al Parlamento europeo, il faro dell’UE rimane puntato sulle #VaschediLaminazione del Seveso nel comune di Senago: i firmatari della petizione chiedono lo stop all’opera sulla base di motivi di #salute pubblica e tutela dell’#ambiente.

Il Parlamento europeo ha deciso di mantenere la petizione aperta, chiedendo un nuovo riesame alla nuova Commissione europea. Se, come annunciato, il nuovo esecutivo europeo ha come priorità la difesa dell’ambiente e la tutela della salute dei cittadini, allora non può che bocciare un progetto che rappresenta un attentato all’ambiente e alla salute pubblica.


Su mia richiesta il Parlamento UE scriverà nuovamente alla regione Lombardia e al Comune di Milano per ribadire le inquietudini per un’opera antistorica che si pone in netta contraddizione con gli obiettivi europei di sostenibilità e salvaguardia dell’ambiente e delle risorse naturali. Regione e Comune non possono continuare a ignorare i moniti che arrivano dall’Europa. È tempo di guardare seriamente alle soluzioni alternative per far fronte al problema delle esondazioni del Seveso, ovvero pulizia delle acque e creazione di aree naturali di contenimento delle piogge.


Il Movimento 5 Stelle è sempre stato unito a tutti i livelli istituzionali nel contrastare la costruzione delle vasche. In prima linea i consiglieri comunali Sergio Savio - Portavoce Consigliere Comunale M5S Senago e Riccardo Tagni - Portavoce Consigliere Comunale M5S Senago che da tempo denunciano le giravolte e l’ipocrisia dell’amministrazione di Senago, gli attivisti Eugenio Galetti e Massimo Gobbato che sono venuti a Bruxelles e tutti i portavoce che si sono spesi nelle istituzioni per dare voce alle ragioni dei cittadini e fermare l’ennesimo scempio costoso e pericoloso del nostro fragile territorio. Ne è un esempio concreto la richiesta del M5S presentata da Massimo De Rosa per un censimento completo e puntuale degli scarichi nel fiume seveso, per eliminare quelli abusivi e monitorare quelli autorizzati con l’obiettivo di dare cura e attenzione ai corpi idrici del territorio e garantire la sicurezza per i nostri fiumi e la cittadinanza.

2 visualizzazioni

PER CONTATTARMI

  • Facebook - Black Circle
  • Twitter - Black Circle
  • YouTube - Black Circle
  • Instagram - Black Circle